Vous êtes ici

XVIIe siècle

Livres de chevet de Montaigne à Mitterrand - Seminari Balmas 2017

Résumé de l'annonce: 
Ce colloque se déroulera à Gargnano, Palazzo Feltrinelli du 15 au 17 juin 2017.
Le 10ème  colloque des Seminari Balmas s’inscrit dans le projet de recherche intitulé « Je lis, donc je suis » qui a pour objectif d’étudier la relation entre la lecture des œuvres littéraires et la formation de la personne. C'est ce lien profond, presque viscéral, s’établissant entre un lecteur et son livre de chevet qui est au centre des différentes contributions. Elles porteront sur  les grands auteurs qui lisent ou qui sont lus, sur les personnages de roman qui lisent et sur le témoignage de quelques professionnels du monde de l’édition  (un poète, un traducteur et un éditeur).
Suggéré par: 
Monica Barsi
Courriel: 
monica.barsi@unimi.it
Date de début ou date limite de l'événement: 
15/06/2017
Date de fin de l'événement: 
17/06/2017
Ville de l'événement: 
Gargnano del Garda
Type d'événement: 
Colloques
Catégorie principale: 
Mots-clés: 
livres de chevet

Caso e Letteratura - Rappresentazioni e teorizzazioni letterarie del caso

Résumé de l'annonce: 
Les 4 et 5 mai prochains, l’Université de Bari organise en collaboration avec l’Université franco-italienne, l’Institut français Italia et l’Alliance française de Bari un colloque sur les représentations et les théorisations littéraires du hasard de la Renaissance au XXe siècle.
Programme Giovedì 4 maggio 15.30 - Saluti istituzionali Presiede Matteo Majorano (Università di Bari) 15.45 - Olivier Guerrier (Université de Toulouse Jean Jaurès) : Hasard et Littérature dans les Essais et au XVIe siècle : de la « rencontre ». 16.15 - Davide Canfora (Università di Bari) : Caso, Fortuna, Avventura, Provvidenza nell’Umanesimo e nel Rinascimento italiano: Ariosto e dintorni. 17.10 - Concetta Cavallini (Università di Bari) : L’écriture de la brevitas et ses enjeux entre hasard et cohérence. L’exemple de Boaistuau et La Primaudaye.    17.40 - Thibault Catel (Université de Bourgogne) : Les Histoires tragiques de nostre temps de Malingre : le hasard tragique entre cas et contingence Venerdì 5 maggio Presiede Francesco Fiorentino (Università di Bari) 9.30 - Jean-Claude Bonnet (Université Paris Sorbonne) : Diderot maître des jeux 10.00 - Domenico D’Oria (Università di Bari/Alliance française di Bari) : Hasard et combinatoire 11.00 Gabriella Quadrato (Université de Strasbourg) : Le rôle du hasard dans le roman d'apprentissage du début du XXe siècle en France et en Italie. 11.30 Philippe Roger (EHESS) : La littérature est un anti-hasard Comité scientifique : Francesco Fiorentino, Benoit Monginot
Suggéré par: 
Benoit Monginot
Courriel: 
benoit.monginot@institutfrancais.it
Date de début ou date limite de l'événement: 
04/05/2017
Date de fin de l'événement: 
05/05/2017
Ville de l'événement: 
Bari
Type d'événement: 
Colloques
Catégorie principale: 
Mots-clés: 
caso, letteratura

I sessant'anni di Studi francesi - Una rivista prestigiosa tra Italia e Francia

Résumé de l'annonce: 
Mercoledì 29 marzo, alle ore 17.15, all’Università degli Studi di Verona (via San Francesco 22, aula T.8), avrà luogo la quinta conferenza dell’Association Universitaire Francophone: Franco Piva (Università di Verona) e Federica Simone (Studi francesi, Torino) parleranno de "I sessant’anni di Studi francesi: una rivista prestigiosa tra Italia e Francia".
Anche a Verona si celebra questo anniversario della storica rivista fondata da Franco Simone, ai vertici della classificazione ministeriale per il suo livello scientifico. Da tanti decenni Studi francesi è un crogiolo di interventi critici e di pubblicazione di inediti, e al contempo, attraverso le sue rassegne bibliografiche, una preziosa fonte di conoscenze e di aggiornamento per studiodi e studenti, e molti sono i francesisti veronesi, docenti, assegnisti e dottorandi, che vi collaborano. L'incontro sarà dunque l'occasione di conosere un po' dall'interno i segreti di "fabbricazione", le origini e la più recenti attualità della rivista.
Suggéré par: 
Laura Colombo
Courriel: 
laura.colombo@univr.it
Date de début ou date limite de l'événement: 
29/03/2017
Ville de l'événement: 
Verona
Type d'événement: 
Séminaires et conférences
Catégorie principale: 
Mots-clés: 
Studi Francesi

Poste de professeur(e) en littérature d’Ancien Régime avant 1700 - Université de Montréal (Canada)

Résumé de l'annonce: 
Le Département des littératures de langue française de l'Université de Montréal sollicite des candidatures pour un poste de professeure ou de professeur à temps plein au rang d’adjoint en littérature d’Ancien Régime avant 1700.
Le Département des littératures de langue française de l'Université de Montréal sollicite des candidatures pour un poste de professeure ou de professeur à temps plein au rang d’adjoint en littérature d’Ancien Régime avant 1700.   Fonctions La personne retenue sera appelée à enseigner aux trois cycles, à encadrer des étudiants aux études supérieures, à poursuivre des activités de recherche, de publication et de rayonnement ainsi qu’à contribuer aux activités de l’institution.   Exigences • Doctorat en littérature française du XVIe et/ou du XVIIe siècle • Expérience en enseignement • Qualité et pertinence du dossier de publication • Excellente maîtrise de la langue française* • Un intérêt pour les écrits de la Nouvelle France serait un atout   Entrée en fonction Le ou après le 1er juin 2017.   Constitution du dossier • Le dossier de candidature doit être constitué des documents suivants : - une lettre de motivation - un curriculum vitæ - un exemplaire des publications ou des travaux de recherche récents • Le dossier doit également comporter trois lettres de recommandation. Celles-ci doivent être transmises directement par leur auteur au Département.   Clôture du concours Le dossier de candidature et les lettres de recommandation doivent parvenir à la directrice du Département des littératures de langue française au plus tard le 15 novembre 2016 à l’adresse suivante :   Mme Marie-Pascale Huglo, directrice intérimaire Département des littératures de langue française Faculté des arts et des sciences Université de Montréal C. P. 6128, succursale Centre-ville Montréal (QC) H3C 3J7   Aucun dossier transmis par courrier électronique ne sera accepté. Les personnes intéressées trouveront plusieurs informations sur le Département en consultant son site Web à l’adresse http://www.littfra.umontreal.ca/.
Suggéré par: 
Gabriele Giannini
Courriel: 
gabriele.giannini@umontreal.ca
Date de début ou date limite de l'événement: 
15/11/2016
Ville de l'événement: 
Montréal
Type d'événement: 
Bourses, prix, emplois
Catégorie principale: 
Sous-catégorie: 
Mots-clés: 
littérature d’Ancien Régime

Ticontre. Teoria Testo Traduzione

Contenu de l'annonce: 

Sommario

Sezione monografica - mash up. Forme e valenze dell’ibridazione nella creazione letteraria

Introduzione

 

Paolo Gervasi, Francesca Lorandini, Pietro Taravacci...

Image de l'annonce: 
Mots-clés: 
ibridazione
ISSN format électronique: 
2284-4473
Titre du numéro: 
Mashup. Forme e valenze dell’ibridazione nella creazione letteraria
Catégorie principale: 
Courriel: 
claudia.crocco@unitn.it
Directeur(s) scientifique(s): 
Pietro Taravacci, Paolo Gervasi e Francesca Lorandini.
Langue: 
Date de mise en ligne: 
Mercredi, Juin 1, 2016
Date de parution: 
Mardi, Mai 31, 2016
Lieu de parution: 
Trento
Suggéré par: 
Claudia Crocco

I novellieri italiani e la loro influenza sulla cultura europea del Rinascimento e del Barocco

Résumé de l'annonce: 
Il gruppo di ricerca Italian Novellieri and Their Influence on Renaissance and Baroque European Literature: Editions, Tranlations, Adaptations, i Dipartimenti di Studi Umanistici e di Lingue e Letterature Straniere e Culture Moderne, l'Università di Torino invitano a partecipare al convegno internazionale di studi "I novellieri italiani e la loro influenza sulla cultura europea del Rinascimento e del Barocco", che si svolgerà all'Università di Torino dal 13 al 15 maggio 2015.
Tra Trecento e Seicento un corposo insieme di storie, fiabe, racconti prende forma letteraria e si diffonde attraverso l'Europa occidentale creando un immaginario comune a tutta l'Europa moderna, nonostante le svariate configurazioni nazionali. La novellistica italiana, che ha preso il via con Giovanni Boccaccio e i suoi numerosi emuli (Tommaso Guardati, Matteo Bandello, Francesco Straparola, Giovan Battista Giraldi Cinzio, Anton Francesco Doni, Lodovico Guicciardini, Girolamo Parabosco, ma anche Jacopo di Poggio Bracciolini, Giovan Battista Basile, Gherardo Borgogni...) serve da veicolo, da modello e da intertesto a un Rinascimento, tra il dotto e il popolare, della narrativa europea, che a mo' di nuova mitologia contribuisce potentemente a configurare la cosmovisione moderna del Vecchio Continente. Si svilupperanno le seguenti linee di ricerca nell'ambito degli studi sulla letteratura, l'arte e la cultura europea rinascimentale e barocca: 1 -  Studi ecdotici, critici, linguistici e traduttologici sulle opere dei novellieri e le loro prime traduzioni nelle diverse lingue europee. 2 -  Studi sulla ricezione e gli adattamenti delle opere dei novellieri italiani nelle diverse culture europee del Rinascimento e del Barocco, sia attraverso opere o tendenze letterarie, teatrali, musicali, sia attraverso rappresentazioni figurative e iconiche. 3 -  Echi culturali, sociologici, politici e morali dell'opera dei novellieri nell'Europa del Cinquecento e del Seicento. Relatori invitati: Carlos Alvar (Universidad de Alcalá, Université de Genève) Rafael Bonilla Cerezo (Universidad de Córdoba) Mariagrazia Cammarota (Università di Bergamo) Eleonora Hotineanu (CNRS, Paris) Françoise Lavocat (Université Paris Diderot) Jean-Yves Masson (Universitè Paris Sorbonne) Elisabetta Menetti (Università di Modena e Reggio Emilia) Manfred Pfister (Freie Universität Berlin) Maria Grazia Saibene (Università di Pavia) Le proposte di relazione, redatte in italiano, francese, inglese, spagnolo o tedesco, di circa 250 parole, vanno inviate all'indirizzo convegno.novellieri.torino@gmail.com entro il 15 febbraio 2015; saranno vagliate dal comitato scientifico composto da Erminia Ardissino, Anna Chiarloni, Maria Teresa Giaveri, Aldo Ruffinatto e Carla Vaglio. Per la presentazione delle relazioni al convegno si prega di considerare la possibilità di usare l'italiano o l'inglese, ma saranno ammesse anche relazioni nelle altre tre lingue. I relatori riceveranno entro il mese di marzo, insieme alla conferma dell'accettazione della loro proposta, le norme editoriali per la presentazione dei testi. Per agevolare la pubblicazione degli Atti del convegno, che appariranno nella collana "Novellieri in Europa" della casa editrice di Torino aAccademia University Press (www.aaccademia.it), i testi definitivi delle relazioni accettate, con un massimo di 35 000 battute (inclusi spazi e note), dovranno essere consegnati entro il 15 maggio 2015. I testi potranno essere presentati in una delle cinque lingue indicate.
Courriel du contact: 
Nancy Murzilli
Suggéré par: 
Nancy Murzilli
Courriel: 
nancymurzilli@gmail.com
Date de début ou date limite de l'événement: 
15/02/2015
Ville de l'événement: 
Torino
Type d'événement: 
Appels à contribution
Catégorie principale: 
Mots-clés: 
novellieri italiani, influenza, cultura europea, Rinascimento, Barocco
Site web de référence: 
www.aaccademia.it

Call for papers "Il cammino della tolleranza"

Résumé de l'annonce: 
Nella storia del pensiero politico occidentale l’idea di tolleranza ha costituito, ancor prima che un principio astratto, un concreto spazio pubblico di riconoscimento di diritti civili e partecipazione politica all’interno del processo di sviluppo di sistemi democratici. Nel corso della sua lunga evoluzione tale concetto ha subito però radicali mutamenti passando così dall’espressione della rivendicazione di una libertà religiosa da parte di comunità tradizionalmente protestanti, a principio istituzionale di regolazione della convivenza politica largamente accettato, seppur allo stesso tempo criticato, in quanto concepito come surrettizio strumento di dominio politico egemonico. Ci si propone di allestire un convegno internazionale su questo tema che si terrà a Padova i prossimi 26 e 27 Maggio. A tal proposito si pubblica un call for papers in scadenza il prossimo 1 Marzo.
Nella storia del pensiero politico occidentale l’idea di tolleranza ha costituito, ancor prima che un principio astratto, un concreto spazio pubblico di riconoscimento di diritti civili e partecipazione politica all’interno del processo di sviluppo di sistemi democratici. Nel corso della sua lunga evoluzione tale concetto ha subito però radicali mutamenti passando così dall’espressione della rivendicazione di una libertà religiosa da parte di comunità tradizionalmente protestanti, a principio istituzionale di regolazione della convivenza politica largamente accettato, seppur allo stesso tempo criticato, in quanto concepito come surrettizio strumento di dominio politico egemonico. In occasione dei 250 anni dalla pubblicazione della voce Tolérance all’interno dell’Encyclopédie di Diderot e d’Alembert e a 50 anni da quella del saggio di Herbert Marcuse, Repressive Tolerance, nel quale venivano denunciati i limiti di una tolleranza utile ad avallare una politica lassista e privata di ogni responsabilità morale, si intende stimolare una riflessione che, procedendo da differenti prospettive disciplinari -filosofia, letteratura, storia, teologia, politologia, giurisprudenza -, sondi l'attuale validità di questa nozione, centrale all’interno del dibattito contemporaneo, particolarmente in relazione ad alcune questioni fondamentali nella società postmoderna, quali pluralismo e multiculturalità. A titolo puramente esemplificativo si propongono alcuni possibili temi sui quali sarebbe auspicabile promuovere la riflessione:   - L'evoluzione del concetto di tolleranza, un percorso plurisecolare. L'idea di tolleranza assume in età moderna una mobilità tale da non permettere di attribuire al concetto un valore neutro e stabile; a seconda del contesto storico e geografico di riferimento le definizioni e gli usi della tolleranza divergono, talvolta anche notevolmente. Di conseguenza si incoraggiano studi che, affrontando le origini, gli sviluppi, la cristallizzazione e le criticità di tale idea e pratica politica, documentino l'itinerario storico di questa idea, mettendo in risalto punti di contatto e di rottura fra testi ed epoche differenti. Si sollecita anche una riflessione su singoli autori che hanno messo a punto nel corso dei secoli questa nozione, come ad esempio Spinoza, Locke, Voltaire, Mill, Marcuse. Si caldeggiano inoltre interventi su opere letterarie, giuridiche o teologiche che hanno contribuito al dibattito sulla tolleranza.   - La tolleranza tra valore e disvalore. Il saggio di Marcuse sopra menzionato mise in discussione l'idea di tolleranza come valore assoluto, ponendo le basi per un profondo ripensamento del concetto di tolleranza alla luce dell'affermazione della democrazia capitalista del secondo dopoguerra. La comparsa di quel volume impose ed impone ancora oggi una riflessione sul sistema di valori della società contemporanea; si sollecitano quindi interventi sulla querelle novecentesca in merito all'efficacia -o all’inadeguatezza -di una strategia della tolleranza, particolarmente da un punto di vista filosofico, politico, letterario, giuridico e teologico. Potranno essere presi in considerazioni non soltanto studi sull'opera di Marcuse, ma anche su teorici successivi che riprendano in maniera originale la critica del pensatore francese, come ad esempio la giurista Lani Guinier (The tyranny of the majority, 1994) o il filosofo e psicoanalista Slavoj Zizek (Ein Plädoyer für die Intoleranz, 1998).   - Tolleranza, democrazia e multiculturalismo: teorie e pratiche delle politica contemporanea: La dimensione globalizzata del mondo postmoderno ha favorito nel corso degli ultimi decenni una produzione di incontri e scambi multiculturali senza precedenti, dai quali sono tuttavia spesso nati conflitti, talora particolarmente cruenti, radicati proprio nell'ostilità verso differenti posizioni culturali, religiose, politiche o economiche. Nella teoria politica più recente è stata talvolta riproposta la valorizzazione di una pratica della tolleranza come unica soluzione adatta a raggiungere la pacificazione di sanguinarie diatribe che si fondano su questa insofferenza interculturale, la quale si ripropone, in rapporto al problema dell'integrazione, anche lontano da scenari di guerra celebrati, nelle democrazie occidentali. Si propone di conseguenza di riflettere sul valore che la tolleranza può assumere nel dirimere queste difficili controversie con le quali la politica contemporanea deve necessariamente confrontarsi e sulle ripercussioni che una politica della tolleranza potrebbe avere nel contesto delle democrazie liberali.     Le lingue ufficiali del Convegno sono l'italiano, l'inglese, lo spagnolo e il francese. Le proposte di partecipazione dovranno essere inviate elettronicamente entro il giorno 1 Marzo 2015 all'indirizzo: convegnotolleranza2015@gmail.com e dovranno comprendere un abstract di circa 300 parole e un breve curriculum scientifico. É prevista una quota di partecipazione, fissata in € 50, comprensiva della partecipazione al Convegno, alla cena sociale e ai coffee break. Le spese di viaggio ed alloggio sono a carico dei partecipanti. É prevista la pubblicazione di un volume contenente gli interventi più significativi, selezionati dal comitato scientifico. Ulteriori informazioni, tra cui i nomi dei relatori principali e dei componenti del comitato scientifico, possono essere trovate al sito: http://tolleranza2015.wordpress.com/
Nom du contact: 
Enrico Zucchi
Courriel du contact: 
zucchi.en@gmail.com
Suggéré par: 
Enrico Zucchi
Courriel: 
zucchi.en@gmail.com
Date de début ou date limite de l'événement: 
01/03/2015
Ville de l'événement: 
Padova
Type d'événement: 
Appels à contribution
Catégorie principale: 
Mots-clés: 
tolleranza, evoluzione, democrazia, multiculturalismo,
Site web de référence: 
http://tolleranza2015.wordpress.com/

Convegno internazionale "Dramaturgies vagabondes, migrations romanesques: écritures en dialogue (XVIe-XVIIe siècles)"

Résumé de l'annonce: 
Il convegno, nell’ambito del progetto PRIN 2010/11 “Costituzione del corpus del teatro francese del Rinascimento”, è dedicato allo studio delle convergenze e degli scambi tra generi teatrali, forme narrative e scritture teoriche tra Cinquecento e Seicento, in Francia e in Italia.
Il convegno Dramaturgies vagabondes, migrations romanesques: écritures en dialogue (XVIe-XVIIe siècles) riunisce specialisti internazionali nello studio delle interrelazioni fra teatro, forme narrative e scritture teoriche tra Cinquecento e Seicento, nel terreno culturale francese e italiano. Sono in gioco modalità di rappresentazione riconducibili a statuti distinti, se non divergenti, tra i quali si creano tuttavia intersezioni e interferenze che evidenziano una porosità di confini e danno luogo a forme di scambio e a fenomeni di migrazione intergenerica. Verranno indagate alcune dinamiche di passaggio dalla modalità narrativa a quella teatrale e, all’inverso, dalla scena drammatica alla forma narrativa. La riflessione verterà anche sull’interazione tra scritture teoriche e finzione. Adattamenti di materiali narrativi ed epici nel teatro rinascimentale e barocco, trasposizioni musicali e coreografiche e problematiche della ricezione offriranno materia a una riflessione sulle ibridazioni tra diverse forme di scrittura, in rapporto alla poetica dei generi letterari. Promosso dall’Università Ca’ Foscari (Dipartimento di Studi linguistici e culturali comparati), il convegno si svolge in collaborazione con il Gruppo di studio sul Cinquecento francese ed è curato da Magda Campanini.
Nom du contact: 
Magda Campanini
Courriel du contact: 
campacat@unive.it
Adresse postale: 
Dipartimento di Studi Linguistici e Culturali Comparati, Dorsoduro 1405 - Zattere (Palazzo Cosulich) I - 30123 Venezia
Suggéré par: 
Magda Campanini
Courriel: 
campacat@unive.it
Date de début ou date limite de l'événement: 
07/11/2014
Date de fin de l'événement: 
08/11/2014
Ville de l'événement: 
Venezia
Type d'événement: 
Colloques
Catégorie principale: 
Sous-catégorie: 
Mots-clés: 
genres littéraires, Renaissance, Baroque, roman, théâtre, musique
Site web de référence: 
http://www.unive.it/nqcontent.cfm?a_id=140010
http://www.cinquecentofrancese.it/

Ticontre. Teoria Testo Traduzione

Contenu de l'annonce: 

E stato pubblicato il primo numero della rivista «Ticontre. Teoria Testo Traduzione».

Questo volume ospita una sezione monografica dedicata all'opera critica di Tzvetan Todorov; un saggio su Vita e destino di Vasilij Grossman e Le benevole di Jonathan Littell; un contributo sulla...

Image de l'annonce: 
ISSN format électronique: 
2284-4473
Catégorie principale: 
Courriel: 
matteo.fadini@unitn.it
Date de mise en ligne: 
Vendredi, Mai 16, 2014
Date de parution: 
Lundi, Mars 31, 2014
Lieu de parution: 
http://www.ticontre.org/ojs/index.php/t3/issue/current
Suggéré par: 
Matteo Fadini 28/5/2014

L'édition italienne dans l'espace francophone à la première modernité

Contenu de l'annonce: 

Le projet EDITEF (L’Edition Italienne dans l’Espace Francophone à la première modernité - ANR-13-BSH3-0010-01) nait de la nécessité de renouveler les connaissances sur la production, la diffusion et la conservation d’ouvrages en italien dans les régions francophones à la première modernité, qui...

Image de l'annonce: 
Catégorie principale: 
Suggéré par: 
Giulia Ventrella
Courriel: 
_@_._
Stefano Vidili
Mots-clés: 
littérature italienne, Renaissance, France et Italie, espace francophone, imprimerie, histoire du livre
URL du site: 
http://editef.hypotheses.org/

Pages

S'abonner à RSS - XVIIe siècle