Vous êtes ici

Arts

Colloque Formes et (en)jeux de l’intermédialité dans l’espace européen

Résumé de l'annonce (2 lignes maximum): 
Le colloque Formes et (en)jeux de l’intermédialité dans l’espace européen propose un tour d'horizon épistémologique de l'intermédialité.
Le colloque Formes et (en)jeux de l’intermédialité dans l’espace européen propose un tour d'horizon épistémologique de l'intermédialité. Située dans un « entre-deux » tant méthodologique que disciplinaire – car naviguant en permanence entre systèmes de signes, arts et médias –, la réflexion sur l'intermédialité peut s’organiser selon deux axes principaux : mise(s) en relation intermédiales : le passage du mot à l’image (fixe et/ou mobile) et inversement et mise(s) en scène intermédiales : de l’idéal du Gesamtkunstwerk aux performances contemporaines. Le colloque se tiendra à l'Université Jean Monnet de Saint-Etienne les 27 et 28 septembre 2017.  Voir programme ci-dessous.
Nom du contact: 
Patricia Viallet & Emmanuel Marigno
Courriel du contact: 
viallet.patricia@orange.fr, emmanuel.marigno@univ-st-etienne.fr
Suggéré par: 
elisa bricco
Courriel: 
Elisa.bricco@unige.it
Date de début ou date limite de l'événement: 
27/09/2017
Date de fin de l'événement: 
28/09/2017
Ville de l'événement: 
Université Jean Monnet Saint-Etienne
Type d'événement: 
Colloques
Catégorie principale: 
Mots-clés: 
Intermedialità, letteratura, cinema, fumetto, fotografia, danza, musica

Itinéraires. Littérature, textes, cultures

Contenu de l'annonce: 

Ce numéro propose des interrogations concernant les représentations contemporaines des banlieues et des espaces périurbains. Si, à l’origine, la « banlieue » désigne un espace géographique et administratif, il renvoie toutefois depuis longtemps à son usage métaphorique comme « inscription...

Image de l'annonce: 
Titre du numéro: 
« Banlieues » : entre imaginaires et expériences
Catégorie principale: 
Courriel: 
nancy.murzilli@unige.it
Directeur(s) scientifique(s): 
Elisa Bricco, Serena Cello, Catherine Douzou, Nancy Murzilli (dir.)
Langue: 
Date de mise en ligne: 
Jeudi, Juillet 20, 2017
Date de parution: 
Jeudi, Juillet 20, 2017
Suggéré par: 
Nancy Murzilli

Discordances, dissonances, dissemblances. La prose entre arts et sciences au XXIème siècle

Contenu de l'annonce: 

Ce volume collectif s’interroge sur la possibilité que discordances, dissonances, dissemblances, autant de fêlures issues du croisement, aujourd’hui de plus en plus manifeste, entre la littérature et d’autres domaines – arts, sciences sociales, parfois même sciences exactes – puissent se faire...

Image de l'annonce: 
Catégorie principale: 
Suggéré par: 
Groupe de Recherche sur l'Extrême Contemporain
Courriel: 
valeria.gramigna@uniba.it
ISBN: 
9788822922014
Collection: 
Ultracontemporanea
Anonyme
Éditeur: 
Quodlibet
Lieu de parution: 
Macerata
Date de parution: 
Mercredi, Février 14, 2024
Date de mise en ligne: 
Mercredi, Février 14, 2024
URL: 
https://www.quodlibet.it
Langue: 
Francese
Mots-clés: 
discordances, dissonances, dissemblances, écriture contemporaine, arts et sciences

Rimediare, performare, intermediare: il corpo sonoro della scrittura

Contenu de l'annonce: 

Partendo dalla nozione di testo quale medium visivo-sonoro in cui l’azione del verbo converge con l’energia della lingua, i contributi raccolti in questo volume ripensano la scrittura come processo polifonico che coinvolge il corpo allo spettro di una dinamica intermediale e interestetica che...

Image de l'annonce: 
Catégorie principale: 
Suggéré par: 
Laura Santone
Courriel: 
laura.santone@uniroma3.it
ISBN: 
979-12-5977-290-9
Collection: 
Prismes
Laura Santone
Éditeur: 
Roma TrE-Press
Lieu de parution: 
Rome
Date de parution: 
Jeudi, Janvier 18, 2024
Date de mise en ligne: 
Jeudi, Janvier 18, 2024
URL: 
https://romatrepress.uniroma3.it/libro/rimediare-performare-intermediare-il-corpo-sonoro-della-scrittura-2/
Langue: 
italien français
Mots-clés: 
voix, corps, poésie, traduction, remédiation, performance
Site web de référence: 
https://romatrepress.uniroma3.it/libro/rimediare-performare-intermediare-il-corpo-sonoro-della-scrittura-2/

L’Apothéose d’Arlequin. La Comédie-Italienne de Paris: un théâtre d’expérimentation dramatique au XVIIIe siècle

Contenu de l'annonce: 

L’Apothéose d’Arlequin. La Comédie-Italienne de Paris: un théâtre d’expérimentation dramatique au XVIIIe siècle, dir. Emanuele De Luca et Andrea Fabiano, Sorbonne Université Presses, « e-Theatrum Mundi », 2023. 532 pp. (ISBN: 979-10-231-2549-8)

Fondée par des comédiens italiens sous le...

Image de l'annonce: 
Catégorie principale: 
Suggéré par: 
Paola Martinuzzi
Courriel: 
paolam@unive.it
ISBN: 
979-10-231-2549-8
Collection: 
e-Theatrum Mundi
Anonyme
Éditeur: 
Sorbonne Université Presses
Lieu de parution: 
Paris
Date de parution: 
Vendredi, Décembre 22, 2023
Date de mise en ligne: 
Vendredi, Janvier 19, 2024
URL: 
https://sup.sorbonne-universite.fr/catalogue/civilisations-cultures-litteratures-etrangeres/e-theatrum-mundi/lapotheose-darlequin
Langue: 
Francese
Mots-clés: 
Comédie-Italienne, Paris, 18e siècle, interdisciplinarité, expérimentation.
Site web de référence: 
https://sup.sorbonne-universite.fr/catalogue/civilisations-cultures-litteratures-etrangeres/e-theatrum-mundi/lapotheose-darlequin

Letterati/e, letteratura e fumetti

InterArtes n. 5: Call for papers

Résumé de l'annonce (2 lignes maximum): 
Call for papers per il n. 5 della rivista InterArtes dedicata alle interazioni di tipo critico, metacritico e creativo fra letteratura e fumetto.
Call for papers   Revue : InterArtes, n° 5[1], 2024 Diretta da : Laura Brignoli, Silvia Zangrandi Dipartimento di « Studi Umanistici » Università IULM - Milano   Letterati/e, letteratura e fumetti   Dagli anni Sessanta, da quando cioè si sono sviluppati gli studi sul fumetto nel mondo occidentale, si è avuta una crescita esponenziale dei contributi scientifici sul linguaggio e sui suoi autori in diversi ambiti disciplinari. Ricostruzioni storiche, studi sociologici, interpretazioni culturali, analisi semiotiche e linguistiche, comparazioni intermediali hanno offerto in questi decenni un quadro storico, teorico e metodologico in grado di definire il linguaggio, le sue forme, i suoi generi e le sue evoluzioni, il suo dialogo con le altre arti, il suo valore estetico e il suo portato ideologico e culturale. Riteniamo però che ancora molto sia da esplorare e definire, in particolare nel rapporto assai dibattuto negli ultimi anni tra fumetto e letteratura. Se nei numeri precedenti InterArtes ha indagato la permeabilità dei confini, l’estetica dell’ibrido, il rapporto tra creatività artistica e automazione, con “Letterati/e, letteratura e fumetti” vuole ora contribuire a definire e delineare in maniera empirica, analitica e storica, la ricezione del fumetto tra letterati/e, e le eventuali conseguenze estetiche generali e nelle poetiche e nelle produzioni degli autori e delle autrici.   Si tratta in primo luogo indagare, in prospettiva diacronica e sincronica, come i letterati/e stessi/e si sono confrontati/e nel passato e si confrontano tuttora con il fumetto, sia attraverso la riflessione critica, sia come coinvolgimento estetico. Con “riflessione critica” intendiamo la ricezione del fumetto tra gli autori e le autrici di letteratura. Il fine è ricostruire il modo in cui il fumetto, come linguaggio e come oggetto estetico, emerge sia in opere saggistiche e pubblicistiche o in epistolari e carteggi, sia in romanzi, racconti o poesie all’interno di processi di tematizzazione, per capire se e come tale confronto abbia influito sulla loro produzione e sull’idea stessa di letteratura. La ricerca può essere svolta focalizzando sia i fenomeni di intertestualità e di metatestualità all’interno della produzione critica e letteraria di un autore o un’autrice, sia la ricezione di un libro o albo a fumetti o di un/a fumettista negli scritti di più letterati. Per limitarci a pochi esempi, pensiamo a Amélie Nothomb, che ha  in più occasioni dichiarato la sua passione per Tintin di Hergé, arrivando a dichiarare a “Le Soir” nello stesso 2014 di aver addirittura imparato a leggere prima dei tre anni grazie alle sue avventure. A prescindere dalla veridicità dell’affermazione, essa ricorda quella di Italo Calvino nelle Lezioni americane, secondo cui l’autore avrebbe imparato a leggere le storie a fumetti sul “Corriere dei Piccoli” ben prima di andare a scuola, grazie alle figure. Una passione che risale all’infanzia, quindi, come per Ray Bradbury con Buck Rogers e Flash Gordon, o per James Ballard, innamorato delle avventure di Terry and the Pirates e insofferente delle strisce umoristiche degli anni Trenta in Gran Bretagna, apprezzate invece da George Orwell, che loda autori come Nicolas Bentley e Ronald Searle in un articolo del 1949 sull’“Observer”. Con “coinvolgimento estetico”, invece, ci riferiamo alla partecipazione di scrittori e scrittrici alla stesura di fumetti, come autori e autrici di soggetti o sceneggiature, o come supervisori di adattamenti dei propri testi, ma anche a eventuali modalità e forme di sperimentazione nate dal confronto con il linguaggio del fumetto, alla ricerca di nuove soluzioni narrative, anche ibride, per storie originali. Anche su questo versante creativo non mancano esempi, come il coinvolgimento di Michel Houellebecq nell’adattamento di La Carte et le territoire, testimoniato anche dai puntuali interventi sulle battute dei personaggi documentati dagli scambi email con il fumettista Alain Dual, allegati al volume uscito nel 2014. Per l’Italia si pensi a Cesare Zavattini, che negli anni Trenta scrive il soggetto per il primo fumetto fantascientifico italiano, Saturno contro la Terra, poi ad autori come Elio Vittorini, Dino Buzzati e Pier Paolo Pasolini per il secondo dopoguerra fino agli anni Sessanta. Dagli anni Ottanta il numero di scrittori e scrittrici coinvolti aumenterà considerevolmente, fino ai nostri giorni, dando vita anche a soluzioni ibride tra prosa e fumetto, come in Sarti Antonio. Come cavare un ragno dal buco (2010) di Loriano Macchiavelli, con Otto Gabos alle matite, sul modello di La straordinaria invenzione di Hugo Cabret dello scrittore americano Brian Selznick (2007). Restando infine in ambito anglofono, tra la fine del XX secolo e il nuovo Millennio, la questione si complica pensando che un autore come Joe R. Lansdale si muove con disinvoltura tra sceneggiature per fumetti e romanzi, e può scrivere un racconto come Batman. Captured by the Engines (1991), mentre dei quattro autori che dai primi anni Ottanta hanno portato il fumetto britannico all’attenzione internazionale, ovvero Alan Moore, Neil Gaiman, Jamie Delano, Dave McKean, i primi tre sono anche autori di romanzi in prosa, per adulti o per ragazzi. Bastino quindi questi esempi per indicare un territorio assai vasto e ancora in larga parte da esplorare scientificamente. In secondo luogo, “Letterati/e, letteratura e fumetti” intende dedicare una sezione ad analisi di adattamenti e riscritture a fumetti di classici della letteratura moderna e contemporanea. In effetti, adattamenti e riscritture sono ambiti di ricerca che da diversi anni vantano significativi contributi teorici ed empirici, ma il fumetto risulta ancora un linguaggio affrontato meno di altri. Per quest’ultima sezione specifica, tra i tanti esempi possibili, basti ricordare il recente lavoro di Fred Duval e Florent Calvez, Sept Personnages (2021), crossover a partire dalle commedie di Molière, il graphic novel di Posy Simmonds che ripensa Madame Bovary (Gemma Bovery, 1999) e quello di Marino Magliani e Marco D’Aponte che nel 2021 riscrivono a fumetti La luna e i Falò integrandovi la narrazione degli ultimi giorni di Pavese, o ancora, l’adattamento di Cuore di tenebra da parte di Peter Kuper sempre nel 2021.     Modalità I testi proposti, che avranno un impianto teorico o analitico con premesse teoriche, devono essere inediti e redatti in word, nel rispetto delle norme editoriali della rivista, pubblicate sul sito. Lingue accettate : italiano, inglese, francese, spagnolo. Gli articoli vanno inviati, accompagnati da una breve notizia bio-bibliografica, entro il 30 luglio 2024 all’indirizzo : interartes@iulm.it       [1] Il n.4 della rivista ospiterà gli Atti del Convegno «Marguerite Yourcenar entre la construction de l’oeuvre et la vérité de l’art», svoltosi a Milano (IULM) il 26 e 27 ottobre 2023.
Nom du contact: 
Laura Brignoli
Courriel du contact: 
laura.brignoli@iulm.it
Suggéré par: 
Laura Brignoli
Courriel: 
laura.brignoli@iulm.it
Date de début ou date limite de l'événement: 
31/07/2024
Date de fin de l'événement: 
31/07/2024
Ville de l'événement: 
Milano
Type d'événement: 
Appels à contribution
Catégorie principale: 
Sous-catégorie: 
Mots-clés: 
Letterati, fumetti, riflessioni metacritiche
Site web de référence: 

"In my end is my beginning": Maria Stuarda regina di Scozia tra storia e mito

Contenu de l'annonce: 

Questo volume, pubblicato nella Collana del Gruppo di Studio sul Cinquecento Francese, Sidera n.5 (...

Image de l'annonce: 
Catégorie principale: 
Suggéré par: 
Valeria Averoldi
Courriel: 
valeria.averoldi@univr.it
ISBN: 
9788894189087
Collection: 
Sidera (Gruppo di Studio sul Cinquecento Francese)
Anonyme
Date de parution: 
Jeudi, Janvier 4, 2024
Date de mise en ligne: 
Jeudi, Janvier 4, 2024
URL: 
https://www.cinquecentofrancese.it/index.php/sidera/632-sidera-n-5-in-my-end-is-my-beginning-maria-stuarda-regina-di-scozia-tra-storia-e-mito
Site web de référence: 
https://www.cinquecentofrancese.it/

Convegno internazionale Il fototesto (auto)biografico: confini e traumi

Résumé de l'annonce (2 lignes maximum): 
Nell'ambito del lavori del PRIN 2020 “Il Fototesto: retoriche, poetiche e aspetti cognitivi” (2020YB7J25), l’Unità di ricerca dell’Università di Genova - M. Amatulli, E. Bricco, R. Francavilla, M. Gaboriaud, L. Quercioli, S. Riva, C. Rolla - organizza un convegno sulle poetiche del trauma, che prosegue la riflessione sulle specificità della narrazione fototestuale iniziata nell’ottobre del 2023 durante il seminario di studio “Immagini, malgrado il testo, ‘attorno’ alla Shoah” (Urbino 17-18 ottobre 2023).
Progetto scientifico Il convegno intende indagare la maniera in cui il fototesto interagisce con il genere (auto)biografico e lo rinnova. Si potrà far dialogare la ricostruzione della memoria individuale in relazione alla memoria collettiva. Ci si chiederà ad esempio qual è l’apporto delle immagini dell’album di famiglia e quelle dell’archivio collettivo, e come si possa eventualmente sopperire all’assenza di immagini (archivi familiari distrutti da guerre, persi nelle migrazioni…). La riflessione si concentrerà attorno alla nozione di confine, a partire dalla problematica relazione tra la fotografia e il testo. Ci si interrogherà su esperienze creative che affrontano le nozioni di: Confini invalicabili: esperienza di guerra (recenti dopo il 1970), terrorismo, mafia, catastrofi naturali, crisi climatica, crisi economiche, pandemie… Confini attraversati: esperienze migratorie, esilio, genere, classe sociale… Confini percepiti: malattia, disabilità, lutto, abuso, discriminazione… Organizzazione Lingue del convegno: italiano, inglese, francese Giornate : Mercoledì 8/05 pm, giovedì 9/05 am e pm, venerdì 10/05 am e pm La proposta deve includere un titolo provvisorio, un abstract di non più di 5.000 caratteri e una breve nota bio-bibliografica. Deve essere inviata a fototestogenova2024@gmail.com  entro il 30 novembre 2023.  Le risposte saranno date dopo il 15 dicembre 2023.  Il convegno sarà organizzato in modo tale che tutti i partecipanti dovranno viaggiare e soggiornare a proprie spese. Saranno organizzati pranzi e cene. Non è prevista una quota di iscrizione.  È prevista la pubblicazione degli atti: tutti i lavori saranno sottoposti a doppia revisione cieca.  Tutti i dettagli saranno pubblicati sulla pagina web dedicata  https://argec.hypotheses.org
Nom du contact: 
Elisa Bricco
Courriel du contact: 
elisa.bricco@unige.it
Suggéré par: 
Elisa Bricco
Courriel: 
elisa.bricco@unige.it
Date de début ou date limite de l'événement: 
08/11/2023
Date de fin de l'événement: 
08/05/2024
Ville de l'événement: 
Genova
Type d'événement: 
Colloques
Catégorie principale: 
Mots-clés: 
fototesto, trauma, migrazione, guerra, crisi, confini
Site web de référence: 

Immagini malgrado il testo, ‘attorno’ alla Shoah

Seminario di studi nell’ambito del progetto PRIN 2020“Fototesti: Retoriche, poetiche e aspetti cognitivi”

Résumé de l'annonce (2 lignes maximum): 
Poetica fototestuale della memoria traumatica, indagine sulle modalità con cui la fotestualità intercetta le grandi tragedie storiche dell’umanità che sembrano avere necessità di una testimonianza anche visiva.
Argomenti in programma:  “The Atlas of Holocaust Literature as a case of digital topography” a cura di Bartłomiej Szleszyński (co-director of the project), Konrad Niciński, Monika Gromala (TheInstitute of Literary Research of the Polish Academy of Sciences) WAR PORN. Le foto degli assassini: da Ernst Jünger al Rapporto Stroop – M. Cometa La fotografia del lager scomparso – C. Nannicini Il triangolo di Varsavia – L. Quercioli Come si cambia. Le identità tra fotografia e scrittura al Museum of Broken Relationships di Zagreb – T. Migliore Dai fumetti alle foto della Shoah: le serie di illustrazioni ne La misteriosa fiamma della regina Loana di Umberto Eco – R. Coglitore Heimat di Nora Krug e Vielleicht Esther di Katja Petrowskaja: guerrae Shoah nello sguardo delle nipoti – F. Tucci Fotografare l’indicibile: transgenerazionalità del trauma e memorie – E. Aquarini ‘Memories fade, your Pictures shouldn’t’. Il lavoro della memoria in Daniel Blaufuks – R. Francavilla Memorie fuori luogo. Ricordi d’infanzia e mondi perduti nei fototesti autobiografici di G. Perec e E. W. Said – V. Cammarata “En marge des images qui forment le récit de la vie”. Shoah e fototesto in Camille de Toledo – F. Dainese Affrontare la Shoah: fototesti francesi contemporanei (M. Cohen, G.Didi-Huberman, M. Rubinstein) – E. Bricco
Nom du contact: 
Elisa Bricco
Courriel du contact: 
margherita.amatulli@uniurb.it
Suggéré par: 
Elisa Bricco
Courriel: 
elisa.bricco@unige.it
Date de début ou date limite de l'événement: 
17/10/2023
Date de fin de l'événement: 
18/10/2023
Ville de l'événement: 
Urbino
Type d'événement: 
Séminaires et conférences
Catégorie principale: 
Sous-catégorie: 
Mots-clés: 
Fotografia, fototesto, letteratura, Shoah, memoria, trauma
Site web de référence: 

Raccontare il paesaggio

Fotografia, fototesto, letteratura, performance, videoarte

Résumé de l'annonce (2 lignes maximum): 
Il convegno internazionale "RACCONTARE IL PAESAGGIO. Fotografia, fototesto, letteratura, performance, videoarte" si svolgerà al termine della mostra organizzata presso Palazzo Ducale, che mette in scena il progetto fotografico "Il Bel Paese" di Stefano De Luigi, vincitore di Strategia Fotografia 2022 promosso dalla Direzione Generale Creatività Contemporanea del Ministero della Cultura.
Il racconto del paesaggio contemporaneo sarà l’oggetto dei contributi scientifici di studiosi italiani e stranieri, esperti degli ambiti disciplinari previsti e della rappresentazione dello spazio naturale e urbano. Il paesaggio è ormai inteso come un luogo di relazione dell’individuo con l’ambiente che lo circonda. Il rapporto del soggetto con il paesaggio si instaura attraverso l’osservazione e si concretizza nella riproduzione artistica, nella ri-creazione dei luoghi, naturali o artificiali, attraverso l’opera d’arte. Possiamo considerare dunque che gli artisti contemporanei non intendano il paesaggio come sfondo sul quale si svolgono le vicende umane o come luogo mitico dove si possano realizzare sogni e aspettative, ma come spazio dove si sviluppano le esperienze degli individui. Lo spazio che ci circonda diventa un compagno e una testimone delle nostre azioni, anche quando esso non rappresenta più luoghi ideali ma spazi corrotti e degenerati.
Nom du contact: 
Elisa Bricco
Suggéré par: 
Elisa Bricco
Courriel: 
elisa.bricco@unige.it
Date de début ou date limite de l'événement: 
12/10/2023
Date de fin de l'événement: 
13/10/2023
Ville de l'événement: 
Genova
Type d'événement: 
Colloques
Catégorie principale: 
Sous-catégorie: 
Mots-clés: 
Fotografia, fototesto, letteratura, performance, videoarte
Site web de référence: 

Pages

S'abonner à RSS - Arts