You are here

Filosofia e religione

Philippe Zard presenta: De Shylock à Cinoc. Essai sur les judaïsmes apocryphes

Riassunto dell'annuncio: 
Philippe Zard, specialista di letteratura ebraica francese ed europea dell'Université Paris-Nanterre, presenterà il suo ultimo saggio.
Philippe Zard, specialista di letteratura ebraica francese ed europea dell'Università Paris-Nanterre, presenterà il suo ultimo saggio, intitolato De Shylock à Cinoc. Essai sur les judaïsmes apocryphes (2017). Il docente affronterà il tema della metamorfosi della “questione ebraica”, nelle sue implicazioni storiche e simboliche, a partire dall’Europa cristiana fino ai giorni nostri. La conferenza si propone una prospettiva comparatista : dagli avatars del “Juif charnel” (Shakespeare e Joyce) all’invenzione di un nuovo giudeo-cristianesimo (Thomas Mann, Albert Cohen e Georges Steiner), Zard si concentrerà su Joseph Roth, Patrick Modiano e Georges Perec, “neo-marrani” che, attraverso la scrittura, si riappropriano, in modo obliquo e singolare, dell’eredità spirituale ed etica dell’ebraismo.
Nome del contatto: 
Francesca Dainese
Email del contatto: 
dainesefrancesca.fd@gmail.com
Segnalato da: 
Rosanna Gorris Camos
Email: 
rosanna.gorris@univr.it
Data di inizio o data limite dell'evento: 
26/02/2019
Data di fine dell'evento: 
26/02/2019
Luogo dell'evento: 
Verona
Tipo di evento: 
Séminaires et conférences
Categoria principale: 
Parole chiave: 
Perec, Modiano, judéité, Judaisme, Shakespeare, Joyce, Thomas Mann, Albert Cohen,Georges Steiner
Sito web di riferimento: 
https://www.univr.it/it/seminari/-/evento/4636?p_auth=C2t3Uugq

L'idée de nature du Moyen Âge à nos jours: une harmonie dissonante

Contenuto dell'annuncio: 

INDICE
Introduzione (Donatella Bisconti, Cristina Schiavone)
I – Natura naturans, natura naturata: entre détachement et identification
Sonia Porzi, « Sora nostra matre Terra / la quale ne sustenta et governa » : l’idée de nature chez saint François et la revalorisation du monde...

Immagine dell'annuncio: 
Categoria principale: 
Segnalato da: 
Cristina Schiavone
Email: 
cristina.schiavone@unimc.it
ISBN: 
978-88-6056-591-4
Collezione: 
Regards croisés
Anonyme
Editore: 
EUM Edizioni
Luogo della pubblicazione: 
Macerata
Data di pubblicazione: 
Wednesday, November 14, 2018
Data di pubblicazione online: 
Wednesday, November 14, 2018
URL: 
http://eum.unimc.it/it/catalogo/608-lidee-de-nature-du-moyen-age-a-nos-jours-une-harmonie-dissonante
Parole chiave: 
Nature immanente, nature transcendante, altérité, conflit, idylle
Sito web di riferimento: 
http://eum.unimc.it/it/catalogo/608-lidee-de-nature-du-moyen-age-a-nos-jours-une-harmonie-dissonante

Interculture : analyses, défis et propositions à échelle globale.

Contributions, réseaux, spécificités des contextes de langue française

Riassunto dell'annuncio: 
Serait-il possible de formuler l’hypothèse d’une (ou de plusieurs) spécificité(s) « francophone(s) » dans l’approche aussi des thématiques de l’interculturel ?
L’espace linguistique et culturel que, de façon générale, l’on définit comme « francophone » élabore souvent des propositions et des modalités d’action qui se veulent innovantes, en revendiquant une sorte de « spécificité » qui dériverait de ses expériences historiques ainsi que des élaborations de pensée qui seraient liées à ces expériences. Serait-il possible de formuler l’hypothèse d’une (ou de plusieurs) spécificité(s) « francophone(s) » dans l’approche aussi des thématiques de l’interculturel ? Ce colloque portera sur cette interrogation générale, en l’approfondissant dans trois domaines majeurs – la langue ; la littérature ; l’interdisciplinarité – où cette spécificité semble se révéler de façon intéressante et promettre des développements féconds. Le colloque sera suivi de la réunion du groupe de recherche RUIPI (Réseau universitaire international pour l’interculturel). Programme du colloque Dipartimento di Scienze della Formazione, Università Roma Tre, Aula Volpi Jeudi 8 novembre 2018 09:30 – 12:30 Messages de bienvenue Luca Pietromarchi, Président de l’Université Roma Tre Massimiliano Fiorucci, Directeur du Département de Sciences de l’Éducation Introduction du colloque Marina Geat (Università Roma Tre) Présidence de session, Azouz Begag Hind Lahmami (Université Moulay Ismail, Meknès) Pour une approche anthropologique du texte littéraire francophone Koffi Ganyo Agbefle (Université du Ghana, Legon) Plurilinguisme : écoles, langues et cultures d’enseignement en Afrique subsaharienne Argyro Proscolli (Université nationale et capodistrienne d’Athènes), Stélios Markantonakis (Coordinateur de l’Éducation nationale en FLE) Les aspects socioculturels et interculturels des scénarios pédagogiques numériques pour l’enseignement du FLE en contexte hellénophone Discussion 14 :00 – 18 :00 Présidence de session, Yamina Bettahar Philippe Hamon (Université Paris III) La littérature, entre mélange et identité à la fin du XIXème siècle Veronic Algeri, (Université Roma-La Sapienza) La polyphonie linguistique : dispositifs narratifs et enjeux identitaires dans l'espace postcolonial Azouz Begag (écrivain, CNRS) Amara Lakhous (écrivain) Confrontations (par vidéo conférence entre Rome et New York) Seza Yılancıoğlu (Université Galatasaray, Istanbul) L'expérience transfrontalière chez Nina Bouraoui Discussion  Vendredi 9 novembre 2018 09:30 -12:30 Présidence de session, Viviane Devriésère Vincenzo Artale (Physicien CNR) Les spécificités de la France dans la recherche océanographique et maritime Gaëtan Flocco, Mélanie Guyonvarch (Université d’Evry) La biologie de synthèse, un domaine insaisissable ? Entre spécificités épistémologiques et interdisciplinarité Yamina Bettahar (Université de Lorraine) Sciences et francophonie. Quelques exemples Dominique Glaymann (CPN, Université d’Evry) Richesses potentielles de l’interdisciplinarité et obstacles à sa mise en œuvre illustrés par les questionnements sur la mondialisation Véronique Vassal (Institut Catholique de Paris) La communauté archéologique francophone à l'épreuve de la globalisation : échanges et publications scientifiques Discussion 14 :00 – 16 :30 Présidence de session, Seza Yılancıoğlu Marie-Geneviève Prunier (Présidente association “ Cultures et Générations ”) “ Se découvrir ” dans un monde interculturel. Itinéraires de jeunes écoliers et collégiens (cycle 3) Francesco Pompeo (Université Roma Tre) - Anthropologie, Dynamisme et Francofolies Rada Tirvassen (Université de Pretoria) - Plurilinguisme et interculturel : le bonheur d’un couple infernal ? Discussion Marina Geat (Université Roma Tre) Conclusions et nouvelles perspectives du groupe de recherche RUIPI (Réseau Universitaire International Pour l’Interculturel) 16.30-18.00 Réunion générale du groupe de recherche RUIPI.
Nome del contatto: 
Marina Geat
Email del contatto: 
marina.geat@uniroma3.it
Segnalato da: 
Marina Geat
Email: 
marina.geat@uniroma3.it
Data di inizio o data limite dell'evento: 
08/11/2018
Data di fine dell'evento: 
09/11/2018
Luogo dell'evento: 
Roma
Tipo di evento: 
Colloques
Categoria principale: 
Parole chiave: 
Interculturel ; francophonie ; langue ; littérature ; interdisciplinarité ; philosophie de la science ; anthropologie
Sito web di riferimento: 
http://www.uniroma3.it/articoli/pre-convegno-internazionale-interculture-analyses-defis-et-propositions-a-echelle-globale-contributions-reseaux-specificites-de-contextes-de-langue-francaise-11858/

Medaglia del Presidente della Repubblica al Convegno Parola interiore e spiritualità

Riassunto dell'annuncio: 
A cura di Stéphanie Smadja e Anna Isabella Squarzina
Giovedì 18 ottobre 2018 Università LUMSA Aula Giubileo - Via di Porta Castello, 44 Roma 9.45 Saluto del Magnifico Rettore Francesco BONINI Introduzione di Stéphanie SMADJA - Paris Diderot-Paris 7 e Anna Isabella SQUARZINA - Università LUMSA 10.00-13.30 SESSIONE I - Presiede Anna Isabella SQUARZINA - Università LUMSA CONFERENZA Jean-François COTTIER - Paris Diderot-Paris 7: «Je tendais vers Dieu, je tombais sur moi-même» (Anselme, Proslogion, 1): le monologue et la méditation introspective au tournant des pratiques dévotionnelles médiévales Rosella TINABURRI - Università di Cassino: Dialogues and monologues in the Anglo-Saxon prose of Alfredian time 11.00-11.30 Coffee break (Sala Vetri) Christian BELIN - Université Paul Valéry-Montpellier 3: Résonance et murmure: l’écoulement des voix dans l’Imitation de Jésus-Christ CONFERENZA Benedetta PAPASOGLI - Università LUMSA: La parole qui écoute: Fénelon dans la tradition des mystiques Carlo OSSOLA - Collège de France: À l’intérieur des mots: Charles de Foucauld Dibattito 13.30-14.30 Pranzo (Sala Vetri) Presentazione progetti: Microenfance 2, volume realizzato con gli studenti di Lingua Francese 2 di Mediazione linguistica e culturale - Università LUMSA 14.30-18.00 SESSIONE II - Presiede Jean-François COTTIER - Paris Diderot-Paris 7 Gioiella BRUNI ROCCIA - Università LUMSA: «A still small voice»: la voce del silenzio nella King James Bible Iolanda PLESCIA - Sapienza Università di Roma: Interiority in Translation: the case of Shakespearean soliloquies 15.30-16.00 Coffee break (Sala Vetri) Alessandro VETULI - Dottorando Università LUMSA: «Al suono della mistica voce»: parola interiore e immagini musicali in Bernardo di Sant’Onofrio Beatrice VENANZI - Dottoranda Università LUMSA: Parola interiore o musica interiore? Felix Mendelssohn e l’inno Hör' mein Bitten Luc FRAISSE - Université de Strasbourg - Institut universitaire de France: La parole intérieure constitutive de la vie spirituelle: la mystique de la pensée chez Proust Dibattito Venerdì 19 ottobre 2018 Università LUMSA Aula Giubileo - Via di Porta Castello, 44 Roma 9.00-13.00 SESSIONE III – Presiede Benedetta PAPASOGLI - Università LUMSA Patrizia BERTINI MALGARINI - Università LUMSA: Visione interiore e reportatio nel volgarizzamento umbro del Liber Specialis Gratiae di S. Matilde di Helfta François-Xavier CUCHE - Université de Strasbourg: Présence de Dieu, présence à Dieu et conversation intérieure dans la spiritualité du frère Laurent de la Résurrection (1614-1691) Stéphanie SMADJA - Paris Diderot-Paris 7: La grâce entre langage intérieur et silence 10.30-11.00 Coffee break (Sala Vetri) Laura SANTONE - Università Roma Tre: De la parole intérieure au monologue intérieur: la voix entre spiritualité, corps et langage Myriam WATTHEE-DELMOTTE - Université catholique de Louvain - Directrice de recherches du FNRS: La «parole profonde» d’Henry Bauchau, entre littérature et psychanalyse. Éléments de sémiologie du spirituel Dibattito Presentazione progetti: Laure Charbonnet - Laureanda Master Paris Diderot-Paris 7: Bouddhisme zen et parole intérieure: quelques pistes théoriques 13-14 Pranzo (Sala Vetri) 14.00-17.30 SESSIONE IV – Presiede Stéphanie SMADJA - Paris Diderot-Paris 7 Anna Isabella SQUARZINA - Università LUMSA: La parole intérieure dans Sous le soleil de Satan de Bernanos Davide VAGO - Università cattolica del Sacro Cuore di Milano: Genevoix et la «parole» animale. Du brouillage énonciatif à la spiritualité de l’oikos Annalisa LOMBARDI - Dottore di ricerca Sapienza Università di Roma: Les interférences de la parole intérieure et de la parole spirituelle: Paulina et les autres 15.30-16.00 Coffee break (Sala Vetri) Paola DEL ZOPPO - Università LUMSA: Inner words and intellectual approaches to spirituality and theological issues in German contemporary Literature by Hoppe and Lewistcharoff CONFERENZA Marina DE PALO - Sapienza Università di Roma: Il soggetto, il linguaggio e i paradossi della metalinguisticità Dibattito e Conclusioni Contatti: Anna Isabella Squarzina squarzina@gmail.com Stéphanie Smadja stephaniesmadja@yahoo.fr Si ringraziano per il finanziamento i Fondi Speciali LUMSA 2016, il Dipartimento LUMSA GEPLI Giurisprudenza, Economia, Politica e Lingue Moderne, l’UFI/UIF Université Franco Italienne/Università Italo Francese e il CERILAC Centre d’études et de recherches interdisciplinaires de l’UFR lettres, arts et cinéma, Paris Diderot-Paris 7.
Nome del contatto: 
Anna Isabella Squarzina
Email del contatto: 
squarzina@gmail.com
Indirizzo postale: 
Università LUMSA, Aula Giubileo, Via di Porta Castello 44 - 00193 Roma
Segnalato da: 
Anna Isabella Squarzina
Email: 
squarzina@gmail.com
Data di inizio o data limite dell'evento: 
18/10/2018
Data di fine dell'evento: 
19/10/2018
Luogo dell'evento: 
Roma
Tipo di evento: 
Bourses, prix, emplois
Categoria principale: 
Parole chiave: 
parola interiore, spiritualità, religione, monologo interiore, endogamia, mistica
Sito web di riferimento: 
https://www.lumsa.it/parola-interiore-e-spiritualità

Parola interiore e spiritualità

A cura di Stéphanie Smadja e Anna Isabella Squarzina

Riassunto dell'annuncio: 
Università LUMSA e Gruppo Monologuer, in collaborazione con Dipartimento GEPLI LUMSA, CERILAC (Centre d’études et de recherches interdisciplinaires de l’UFR lettres, arts et cinéma, Paris Diderot, Paris 7), organizzano due giornate di studio internazionali sul tema Parola interiore e spiritualità attraverso i secoli, dal Medioevo all'epoca contemporanea.
Convegno internazionale Parola interiore e spiritualità Label scientifico UFI/UIF 18 e 19 ottobre 2018 Università LUMSA Aula Giubileo, Via di Porta Castello 44 Roma Organizzazione e cura: Stéphanie Smadja - Paris Diderot-Paris 7 Anna Isabella Squarzina - Università LUMSA Giovedì 18 ottobre 2018 Università LUMSA Aula Giubileo - Via di Porta Castello, 44 Roma 9.45 Saluto del Magnifico Rettore Francesco BONINI Introduzione di Stéphanie SMADJA - Paris Diderot-Paris 7 e Anna Isabella SQUARZINA - Università LUMSA 10.00-13.30 SESSIONE I - Presiede Anna Isabella SQUARZINA - Università LUMSA CONFERENZA Jean-François COTTIER - Paris Diderot-Paris 7: «Je tendais vers Dieu, je tombais sur moi-même» (Anselme, Proslogion, 1): le monologue et la méditation introspective au tournant des pratiques dévotionnelles médiévales Rosella TINABURRI - Università di Cassino: Dialogues and monologues in the Anglo-Saxon prose of Alfredian time 11.00-11.30 Coffee break (Sala Vetri) Christian BELIN - Université Paul Valéry-Montpellier 3: Résonance et murmure: l’écoulement des voix dans l’Imitation de Jésus-Christ CONFERENZA Benedetta PAPASOGLI - Università LUMSA: La parole qui écoute: Fénelon dans la tradition des mystiques Carlo OSSOLA - Collège de France: À l’intérieur des mots: Charles de Foucauld Dibattito 13.30-14.30 Pranzo (Sala Vetri) Presentazione progetti: Microenfance 2, volume realizzato con gli studenti di Lingua Francese 2 di Mediazione linguistica e culturale - Università LUMSA 14.30-18.00 SESSIONE II - Presiede Jean-François COTTIER - Paris Diderot-Paris 7 Gioiella BRUNI ROCCIA - Università LUMSA: «A still small voice»: la voce del silenzio nella King James Bible Iolanda PLESCIA - Sapienza Università di Roma: Interiority in Translation: the case of Shakespearean soliloquies 15.30-16.00 Coffee break (Sala Vetri) Alessandro VETULI - Dottorando Università LUMSA: «Al suono della mistica voce»: parola interiore e immagini musicali in Bernardo di Sant’Onofrio Beatrice VENANZI - Dottoranda Università LUMSA: Parola interiore o musica interiore? Felix Mendelssohn e l’inno Hör' mein Bitten Luc FRAISSE - Université de Strasbourg - Institut universitaire de France: La parole intérieure constitutive de la vie spirituelle: la mystique de la pensée chez Proust Dibattito Venerdì 19 ottobre 2018 Università LUMSA Aula Giubileo - Via di Porta Castello, 44 Roma 9.00-13.00 SESSIONE III – Presiede Benedetta PAPASOGLI - Università LUMSA Patrizia BERTINI MALGARINI - Università LUMSA: Visione interiore e reportatio nel volgarizzamento umbro del Liber Specialis Gratiae di S. Matilde di Helfta François-Xavier CUCHE - Université de Strasbourg: Présence de Dieu, présence à Dieu et conversation intérieure dans la spiritualité du frère Laurent de la Résurrection (1614-1691) Stéphanie SMADJA - Paris Diderot-Paris 7: La grâce entre langage intérieur et silence 10.30-11.00 Coffee break (Sala Vetri) Laura SANTONE - Università Roma Tre: De la parole intérieure au monologue intérieur: la voix entre spiritualité, corps et langage Myriam WATTHEE-DELMOTTE - Université catholique de Louvain - Directrice de recherches du FNRS: La «parole profonde» d’Henry Bauchau, entre littérature et psychanalyse. Éléments de sémiologie du spirituel Dibattito Presentazione progetti: Laure Charbonnet - Laureanda Master Paris Diderot-Paris 7: Bouddhisme zen et parole intérieure: quelques pistes théoriques 13-14 Pranzo (Sala Vetri) 14.00-17.30 SESSIONE IV – Presiede Stéphanie SMADJA - Paris Diderot-Paris 7 Anna Isabella SQUARZINA - Università LUMSA: La parole intérieure dans Sous le soleil de Satan de Bernanos Davide VAGO - Università cattolica del Sacro Cuore di Milano: Genevoix et la «parole» animale. Du brouillage énonciatif à la spiritualité de l’oikos Annalisa LOMBARDI - Dottore di ricerca Sapienza Università di Roma: Les interférences de la parole intérieure et de la parole spirituelle: Paulina et les autres 15.30-16.00 Coffee break (Sala Vetri) Paola DEL ZOPPO - Università LUMSA: Inner words and intellectual approaches to spirituality and theological issues in German contemporary Literature by Hoppe and Lewistcharoff CONFERENZA Marina DE PALO - Sapienza Università di Roma: Il soggetto, il linguaggio e i paradossi della metalinguisticità Dibattito e Conclusioni Contatti: Anna Isabella Squarzina squarzina@gmail.com Stéphanie Smadja stephaniesmadja@yahoo.fr Si ringraziano per il finanziamento i Fondi Speciali LUMSA 2016, il Dipartimento LUMSA GEPLI Giurisprudenza, Economia, Politica e Lingue Moderne, l’UFI/UIF Université Franco Italienne/Università Italo Francese e il CERILAC Centre d’études et de recherches interdisciplinaires de l’UFR lettres, arts et cinéma, Paris Diderot-Paris 7.
Nome del contatto: 
Anna Isabella Squarzina
Email del contatto: 
squarzina@gmail.com
Indirizzo postale: 
Università LUMSA, Aula Giubileo, Via di Porta Castello 44 - 00193 Roma
Segnalato da: 
Anna Isabella Squarzina
Email: 
squarzina@gmail.com
Data di inizio o data limite dell'evento: 
18/10/2018
Data di fine dell'evento: 
19/10/2018
Luogo dell'evento: 
Roma
Tipo di evento: 
Colloques
Categoria principale: 
Parole chiave: 
Parola interiore, endofasia, spiritualità, religione, meditazione, mistica, inconscio
Sito web di riferimento: 
https://www.lumsa.it/parola-interiore-e-spiritualità

Il Canada visto dal Friuli: identità e relazioni interculturali

Ventennale del Centro di Cultura Canadese 1998-2018

Riassunto dell'annuncio: 
Per tre giorni, scrittori, scrittrici, specialisti, critici letterari, antropologi e storici indagheranno in un’ottica di lunga durata il fenomeno degli incontri culturali originati dal fenomeno migratorio.
Dal 23 al 25 ottobre prossimo l'Università degli Studi di Udine ospiterà il convegno internazionale Il Canada visto dal Friuli: identità e relazioni interculturali. Per tre giorni, scrittori, scrittrici, specialisti, critici letterari, antropologi e storici indagheranno in un’ottica di lunga durata il fenomeno degli incontri culturali originati dal fenomeno migratorio. Da lungo tempo il Canada e il Québec hanno dedicato alle problematiche legate alle migrazioni una riflessione pionieristica, finendo per costituire un vero e proprio laboratorio della riflessione contemporanea sulla diversità e sulle relazioni interculturali. In apertura dei lavori interverranno il Magnifico Rettore dell'Università di Udine, prof. Alberto Felice De Toni, la Direttrice del Dipartimento di Lingue e letterature, comunicazione, formazione e società, prof. Antonella Riem, il Consigliere Louis Saint-Arnaud in rappresentanza dell’Ambasciata del Canada e la Delegata Marianna Simeone, rappresentante del Québec a Roma. Alle 17 del 23 ottobre in aula 7 di Palazzo Antonini interverranno Louise Dupré, Nino Ricci e Françoise De Luca, le cui opere, note a livello internazionale, hanno ottenuto prestigiosi riconoscimenti; i tre scrittori presenteranno delle riflessioni inedite sul tema dell’identità in letteratura, affrontate da punti di vista diversi e complementari. Louise Dupré si concentrerà sulla scrittura femminile, mentre Ricci e De Luca porteranno la loro testimonianza di scrittori di origine italiana in Canada e in Québec, autori di opere in inglese e in francese. La giornata del 24 si aprirà in sala Florio con la testimonianza di un’altra scrittrice migrante in Canada, di origine romena, Felicia Mihali, che presenterà la sua esperienza di autrice e autotraduttrice in francese e inglese. Seguiranno per tutta la giornata gli interventi di critici, studiosi e intellettuali canadesi ed europei focalizzati sulla letteratura italo-canadese e, più in generale sulla letteratura migrante, principale filone di ricerca del Centro di Cultura Canadese, a cui ha dedicato numerosi convegni e pubblicazioni. I lavori proseguiranno nella mattinata del 25 con una sessione centrata sulle relazioni interculturali nell’epoca della colonizzazione francese del Canada, nel Seicento. Verso queste tematiche si sono rivolti gli interessi di molti ricercatori aderenti al Centro, il che ha contribuito a rendere il Centro di Cultura Canadese uno dei punti di riferimento a livello internazionale della ricerca sulla Nouvelle-France.
Nome del contatto: 
Maura Felice
Email del contatto: 
maura.felice@uniud.it
Segnalato da: 
Alessandra Ferraro
Email: 
alessandra.ferraro@uniud.it
maura.felice@uniud.it
Data di inizio o data limite dell'evento: 
23/10/2018
Data di fine dell'evento: 
25/10/2018
Luogo dell'evento: 
Udine
Tipo di evento: 
Colloques
Categoria principale: 
Parole chiave: 
Canada Québec Nouvelle-France Interculturalisme Relations
Sito web di riferimento: 
https://www.uniud.it/ccc/

Revue Annales du patrimoine N° 18 / 2018

Journal Annals of Heritage issue N° 18 / 2018

Riassunto dell'annuncio: 
La revue "Annales du patrimoine" de l'Université de Mostaganem (Algérie) lance un appel à publication pour le numéro 18 / 2018.
Annales du patrimoine (ADP), est une revue académique en libre accès consacrée aux domaines de littérature, de langue et des sciences humaines. Elle paraît en arabe, en français et en anglais une fois par année. La revue est en ligne depuis sa création en 2004. Elle paraît au mois de septembre. Les chercheurs peuvent soumettre leurs articles dans les disciplines suivantes : - littérature comparée et orientalisme. - littérature mystique et religieuse, - langues, traduction et interculturalité, - histoire et civilisation… La revue accepte également des articles de varia en rapport avec le patrimoine. Les chercheurs intéressés sont invités à envoyer leurs contributions (le résumé de 15 lignes, l'article de 15 pages maximum et 5 mots-clés, en format Word) au plus tard le 15 Août 2018 à l'adresse email de la revue : annales@mail.com Veuillez préciser votre affiliation institutionnelle et votre grade académique si possible. Les propositions d'articles devront respecter les normes de publication de la revue : http://annales.univ-mosta.dz Responsable : Pr Mohammed Abbassa
Nome del contatto: 
Mohammed Abbassa
Email del contatto: 
annales@mail.com
Indirizzo postale: 
Université de Mostaganem
Segnalato da: 
Mohammed Abbassa
Email: 
annales@mail.com
Data di inizio o data limite dell'evento: 
15/08/2018
Tipo di evento: 
Appels à contribution
Categoria principale: 
Parole chiave: 
annales, patrimoine, littérature, art, mostaganem, algérie
Sito web di riferimento: 
http://revue.univ-mosta.dz/index.php/annales

Agnès Guiderdoni (Université catholique de Louvain), Penser par figures entre Renaissance et baroque en Europe

Seminari di Storia della cultura "Tra Italia e Francia, tra Cinque e Seicento"

Riassunto dell'annuncio: 
Martedì 7 novembre alle 16,30 in Sala Scattola, presso il Dipartimento di Studi lingustici e letterari dell'Università di Padova, si terrà il secondo dei seminari del ciclo "Tra Italia e Francia, tra Cinque e Seicento". Interverrà Agnès Guiderdoni, professore di letteratura francese presso l'Université Catholique du Louvain, con una lezione dal titolo "Penser par figures entre Renaissance et Baroque en Europe"
Il ciclo di seminari in oggetto (Seminari di storia della cultura "Tra Italia e Francia, tra Cinque e Seicento") si propone di raccogliere l’eredità dei seminari organizzati, tra il 2010 e il 2013, dal Gruppo di Studio sul Cinquecento Francese, e ospitati dapprima dall’ex Dipartimento di Romanistica, e in seguito dal Dipartimento di Studi Linguistici e Letterari (DiSLL) dell’Ateneo dell’Università di Padova (Seminari di storia della lettura e della ricezione, tra Italia e Francia, nel Cinquecento). Con lo scopo di trarre profitto dalle diverse competenze ospitate in seno al DiSLL, si è deciso di ampliare gli estremi cronologici dell’iniziativa, che ora contemplano il Sei oltre al Cinquecento, e di insistere sull’analisi comparativa. Perciò i relatori, francesisti e italianisti ben noti alla comunità accademica internazionale, saranno chiamati a intervenire sulla circolazione di uomini, libri e idee attraverso le Alpi, nel periodo che va dal Rinascimento agli albori dei Lumi.   
Indirizzo postale: 
Piazzetta G. Folena 1, Padova
Segnalato da: 
Enrico Zucchi (Università di Padova)
Email: 
zucchi.en@gmail.com
Data di inizio o data limite dell'evento: 
07/11/2017
Luogo dell'evento: 
Università di Padova - Sala Scattola
Tipo di evento: 
Séminaires et conférences
Categoria principale: 
Parole chiave: 
Figures, baroque, art, littérature
Sito web di riferimento: 
http://www.disll.unipd.it/seminari-di-storia-della-cultura

Digital humanities e Archeologia del Sapere: quale dialogo?

Les humanités numériques face à L'Archéologie du savoir : quel dialogue ?

Riassunto dell'annuncio: 
Far dialogare le 'digital humanities' con la teoria e la metodologia proposte da Michel Foucalt ne “L’archeologia del sapere” (1969) è l’obiettivo della giornata di studi promossa dal dipartimento di Filosofia “Piero Martinetti”. Perché a partire da una “network analysis” con il software Gephi, si può sì spiegare come funziona l’algoritmo, ma si può anche interpretare la mappa e domandarsi quale sia il suo contributo alla teoria generale della cultura.
Università degli Studi di Milano, Aula Malliani Milano, 9 Novembre 2017 ——————————– 9.00-9.30_ Apertura lavori 9.30-10.30_Utopia archeologica e Digital Humanities : verso una storia materiale delle idee? Luca PALTRINIERI – Université des Rennes 1 11.00-12.00_Penser la matérialité du travail intellectuel avec Foucault Jean-François BERT – Université de Lausanne 14.30-15.30_Per una critica genealogica della ragione computazionale nelle digital humanities Teresa NUMERICO – Università di Roma Tre 16.00-17.00_ Documenti e monumenti. Qualche esperienza personale nel campo delle digital humanities Guido BONINO – Università di Torino ——————————– Nel corso degli ultimi anni le digital humanities hanno visto uno sviluppo notevole, con la creazione di centri di ricerca e di numerose equipe multidisciplinari, all’interno delle quali informatici e specialisti in scienze umane e sociali (storici, archeologi, linguisti, storici dell’arte, ecc.) lavorano fianco a fianco a progetti ambiziosi. Grazie al costante sviluppo delle tecnologie digitali, i digital humanists dispongono di software sempre più sofisticati e performanti, che contribuiscono alla creazione di archivi fondamentali per la ricerca. Tuttavia, parallelamente a questo sviluppo tecnico senza precedenti, si rende sempre più necessario interpretare gli “output” degli algoritmi. Per far ciò, c’è bisogno di una teoria “computazionale” che descriva il funzionamento dei software, ma anche di una teoria interpretativa che permetta di spiegare i resultati, collocandoli all’interno di quadri teorici più ampi. Quando si produce una “network analysis” con il software Gephi non si tratta semplicemente di spiegare come funzioni l’algoritmo, ma anche d’interpretare la mappa (si tratta di una rappresentazione della mentalità di un’epoca o della struttura socio-epistemica di una comunità?) e di domandarsi quale sia il suo contributo alla teoria generale della cultura (fa essa riferimento a delle dinamiche inaccessibili ai metodi tradizionali o ci conferisce invece un’immagine più classica della filosofia?). L’obiettivo di questa giornata di studio è di proseguire questa riflessione teorica, mettendo in dialogo le digital humanities con la teoria e la metodologia proposte da Michel Foucault ne L’archeologia del sapere (1969). In questo testo Foucault sviluppa gli strumenti concettuali necessari per un’analisi del discorso che rigetta le categorie d’autore e di opera, le periodizzazioni tradizionali nonché le partizioni prestabilite tra i differenti campi scientifici. I concetti foucaultiani di enunciato, archivio, episteme e formazione discorsiva, possono contribuire allo sviluppo teorico delle digital humanities. Discutere la possibile riformulazione della storiografia delle scienze umane e della filosofia a partire da queste nozioni ci permetterà, tra l’altro, di attualizzare e rendere sempre più operativa la riflessione foucaultiana. ——————————– Organisation Eugenio Petrovich / eugenio.petrovich@unimi.it Matteo Vagelli / matteo.vagelli@univ-paris1.fr Il workshop è realizzato grazie al sostegno della Scuola di Dottorato in Filosofia e Scienze dell’Uomo dell’Università di Milano, dell’Institut Français et dell’Ambasciata di Francia a Roma. Links : Unimi : http://www.unimi.it/lastatalenews/eventi/digital-humanities-archeologia-sapere-quale-dialogo Carnet d'épistémologie historique de Paris 1: https://episthist.hypotheses.org/937
Nome del contatto: 
Matteo Vagelli
Email del contatto: 
matteo.vagelli@univ-paris1.fr
Indirizzo postale: 
Sala Malliani - Festa Del Perdono via Festa del Perdono, 7, 20122 Milano (MI)
Segnalato da: 
Sibylle Orlandi
Email: 
sibylle.orlandi@institutfrancais.it
Data di inizio o data limite dell'evento: 
09/11/2017
Data di fine dell'evento: 
09/11/2017
Luogo dell'evento: 
Milano
Tipo di evento: 
Colloques
Categoria principale: 
Parole chiave: 
foucault digital humanities
Sito web di riferimento: 
http://www.unimi.it/lastatalenews/eventi/digital-humanities-archeologia-sapere-quale-dialogo

Giornata italo-francese sulla laicità

Immigrazione, politiche culturali, religione

Riassunto dell'annuncio: 
Questa giornata vuole essere un confronto tra studiosi ed esperti di varie discipline, sui recenti sviluppi della riflessione sulla laicità, in Francia e in Italia. Nella prima parte di questa riflessione saranno affrontate questioni giuridico-costituzionali Italia e Francia, sotto questo profilo, hanno storie diverse, ma entrambe affermano il valore di laicità; la prima come principio contemplato dall’ordine costituzionale, la seconda in maniera esplicita nella Costituzione del 1958. Entrambe le costituzioni difendono il principio che lo Stato garantisce la libertà religiosa, escludendo le discriminazioni nei confronti delle “religioni”. In Italia, queste garanzie sono onorate attraverso norme e convenzioni (concordati, legislazioni e intese). In Francia la separazione tra lo Stato e le Chiese è rigorosa, anche se una considerazione di alcuni regimi giuridici (Concordato di Napoleone che si applica in Alsazia-Lorena, regime speciale nei territori d’Oltremare) e delle regole amministrative dimostrano che lo Stato ha consentito alcune facilitazioni finalizzate all’organizzazione delle collettività religiose in funzione dei loro bisogni. Come è emerso nei più recenti dibattiti, sia in Italia che in Francia, il principio di laicità è sottoposto ad un confronto costante con l’evoluzione della società in tutti i suoi aspetti, come ha dimostrato per esempio la commissione STASI (2003) che, in Francia, ha riunito storici, giuristi, sociologi, letterati e politologi.
Giornata italo-francese sulla laicità   Immigrazione, politiche culturali, religione   17 ottobre 2017   Centro di Studi italo-francesi - Università Roma Tre Sala Capizucchi, Piazza Campitelli 3   con il concorso di: Cattedra Unesco “Popolazione, migrazioni e sviluppo” Sapienza Università di Roma – Centro di Studi italo-francesi Università Roma Tre – Fondazione Primoli – Institut Français-Centre Saint-Louis   Martedì 17 ottobre, ore 9.30   Apertura dei lavori: Luca Pietromarchi, Rettore eletto dell’Università Roma Tre   Presidenza: Carlo Felice Casula, Università Roma Tre   Introduzione: Patrick Valdrini, Pontificia Università Lateranense - Università Federico II   Relazioni:   Olivier EchappÉ, Conseiller à la Cour de Cassation - Institut Catholique de Paris Immigrazione, politiche culturali, religione in Francia   Giovanni Salvi, Procuratore generale della Corte d’Appello, Roma Immigrazione, politiche culturali, religione in Italia   Discussione   Pausa pranzo   Ore 14.30   Tavola rotonda: Immigrazione, politiche culturali, religione: nuove prospettive   Coordina: Raimondo Cagiano de Azevedo, Sapienza Università di Roma   Partecipanti:   Maria d’Arienzo, Università di Napoli Federico II Isabella Camera d’Afflitto, Sapienza Università di Roma Xavier Cuche, Université de Strasbourg Michel Roy, Segretario generale della Caritas Internationalis Catherine Wihtol de Wenden, Paris - CNRS, CERI Sciences Po   Interventi programmati   Elena Ambrosetti, Sapienza Università di Roma Nicola Antonetti, Presidente dell’Istituto Luigi Sturzo Marie Bassi, École française de Rome Natalia Encolpio, Giornalista   Discussione   Conclusioni: Carlo Felice Casula, Università Roma Tre   Comitato promotore: Letizia Norci Cagiano (Università Roma Tre), Valeria Pompejano (Università Roma Tre), Patrick Valdrini (Pontificia Università Lateranense)   Organizzazione: Andrea Di Giuseppe, Stefania Palumbo, Rita Zamborlini Centro di Studi italo-francesi - Università Roma Tre
Nome del contatto: 
Andrea Di Giuseppe
Email del contatto: 
andrea.digiuseppe@uniroma3.it
Indirizzo postale: 
Piazza di Campitelli, 3
Segnalato da: 
Andrea Di Giuseppe - Centro di Studi italo-francesi
Email: 
andrea.digiuseppe@uniroma3.it
Data di inizio o data limite dell'evento: 
17/10/2017
Data di fine dell'evento: 
17/10/2017
Luogo dell'evento: 
Roma
Tipo di evento: 
Colloques
Categoria principale: 
Parole chiave: 
laicità
Sito web di riferimento: 
http://host.uniroma3.it/centri/itafra/Novit%C3%A002.htm

Pages

Subscribe to RSS - Filosofia e religione